In fila per Isabel Marant
In fila per Isabel Marant

Sul ring della collezione griffata ogni colpo è lecito. Tipo arraffare una manciata di accessori, strappandoli agli occhi delle rivali, per scegliere con calma quale portarsi a casa. Tipo sgomitare con polso alzato e braccialettino in vista per entrare per prime nel perimetro della lotta fashion. Tipo allearsi con l’amica per raccogliere tutto ciò che si può e scambiarselo in camerino con una complicità assolutamente glamour.

Il giorno della collezione esclusiva da H&M è giorno di sport. Piacevolissimo, anche per candidi spettatori, ignari delle sfide che la moda può generare.
Il colosso della moda svedese da anni regala alle sue clienti capsule collection firmate da grandi stilisti, a prezzi popolari. L’alta moda si fa democratica. Da Versace a Jimmy Choo, da Lanvin a Maison Martin Margela, sono tante le griffe che hanno convinto appassionate di moda a ore di fila per accaparrarsi gli ambiti trofei.

colazione da H&M
colazione da H&M

Anche questa mattina alle 8.45, quando sono arrivata nello store di via Indipendenza, c’era già la fila per la collezione di Isabel Marant. Le prime erano arrivate all’una di notte, con tanto di seggiolina in borsa. Ragazze e signore di tutte le età – dalla teenager alla donna più agée – hanno cominciato a stazionare davanti alle prime ore del mattino. Primissime ore. A loro vengono destinati i primi braccialettini, che scaglionano le clienti per turni. E a tutte viene offerto da H&M una colazione con biscottini, caffè e succhi di frutta. Con il giornale seguiamo da sempre questi momenti di socialità fashion. L’appuntamento è scandito per chi entra e anche per chi osserva e ne scrive. Arriviamo prima dell’apertura, sentiamo accenti, curiosità e obiettivi di shopping e attendiamo che entrino le più mattiniere. A quel punto c’è tempo per un caffè al bar e quattro chiacchiere, prima di ritornare a stazionare davanti al punto vendita.

shopping da H&M
shopping da H&M

Prima di una mezz’ora non uscirà nessuno. Dieci minuti nel ring e almeno venti tra camerino e cassa, li impiegano tutti. Il primo ad uscire è stato Eddy (c’era anche una linea uomo) che per sette capi ha speso 408 euro. Dopo aver raccolto entusiasmi e delusioni dei primi, il lavoro può dirsi concluso. E le opzioni sono due: andare via o partecipare al gioco. Oggi, visto che mancava un’ora alla conferenza stampa in agenda, sul ring siamo salite anche noi.

cintura Isabel Marant
cintura Isabel Marant

Io ero nel settimo turno. Dieci minuti dalle 10.35 alle 10.45. Le avversarie fortunatamente erano pesi piuma e non hanno sfoderato i colpi proibiti di cui sopra. Si sono buttate su bluse e maglie, e hanno lasciato il campo libero per gli accessori rimasti dalle razzie precedenti. Ho portato a casa un braccialetto e una cintura per un totale di 59,90 euro. Alla fine mi sa che ho vinto. E se non ho vinto, comunque ho partecipato, che in certi casi, come questo, va bene lo stesso.

braccialetto Isabel Marant
braccialetto Isabel Marant

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *