Cioccoshow
Cioccoshow

C’è di tutto, anche il kebab di cioccolato, in piazza Maggiore. Ma ciò che entro domani, ultimo giorno di Cioccoshow, vorremmo assaggiare è un bicchiere di fragole fresche e cioccolato fondente. Oltre ad omaggiare inconsapevolmente il bel film di Tomás Gutiérrez (Fragola e cioccolato, del 1995: guardatelo, se non l’avete mai visto), deve risultare un mix di godimento assoluto. Da “gola  soddisfatta e nella stanza il cielo”, per dirla con la Vanoni.

cioccoshow
cioccoshow

Nel percorso conferenza stampa – casa, l’altro ieri, ho sbirciato tra gli stand della kermesse del cioccolato artigianale ospitata in piazza Maggiore e dintorni. Il cioccolato è declinato in una serie infinita di forme e gusti. La mitica sacher (3 euro la fetta) c’è, e si parte bene. E’ presente anche il sempre rassicurante salame al cioccolato (3 euro all’etto). Il clima è ancora mite, ma volendo si può portar via con 2,50 – 3 euro un bicchiere di cioccolata calda e scegliere tra quella al latte e quella fondente. Sono belle le praline colorate, come i tartufi: da cocco a pistacchio, c’è qualsiasi gusto. Bellissimi sono anche i lecca lecca di cioccolato. Dal tenero coniglietto al cuoricino, sugli stecchi c’è qualsiasi immagine sdolcinata. Viene quasi voglia di avere figli o nipotini, per la miriade di personaggi delle favole presenti (è proprio un peccato lasciare lì Cenerentola e le altre).

cioccoshow
cioccoshow

Si trova, anche per i più grandi, qualche regalo ad hoc: di cioccolata ci sono vecchie reflex, manette, scarpe con tacchi impegnativi e borsette griffate. Pure le classiche tavolette possono essere un’idea. Coloratissime, si trovano anche alla cannabis, al viagra e alla rosa (10 euro per tutte e tre, e nessun effetto collaterale segnalato). Un giretto, che voi siate patiti del cioccolato o meno, va fatto. Anche solo per curiosità. Al massimo godrete vedendo gli altri godere. E se vi sembra argomento troppo leggero, potete concentrarvi sull’arte.

cioccoshow
cioccoshow

Oggi alle 18.30 in Galleria Cavour verrà svelata la riproduzione in cioccolato de “La ragazza con l’orecchino di perla”. L’opera, che celebra il dipinto di Vermeer, e realizzata dalla maitre chocolatier Marina Marchiori della Sorbetteria Castiglione, verrà poi trasferita a Palazzo Pepoli (via Castiglione 8). E l’8 febbraio sarà il momento dell’opera vera in mostra a Palazzo Fava (via Manzoni 2): migliaia di spettatori attesi e zero calorie per la fortunata ragazza e il suo orecchino.

assaggio pre cioccoshow cioccoshow
assaggio pre cioccoshow

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *