Lucio DallaHa lasciato il palco vuoto e il pubblico solo, in attesa di un bis che non sarebbe arrivato mai. Se n’è andato così, il primo giorno di marzo di due anni fa. In quei giorni, i primi dopo la notizia del malore che si era portato via Lucio Dalla, via D’Azeglio e piazza Maggiore erano piene di gente. Chi passava a lasciare dei fiori davanti al suo portone, chi in fila per un ultimo saluto nella camera ardente dentro il cortile di Palazzo d’Accursio, e dopo ancora davanti alla basilica di San Petronio per partecipare al funerale del “ragno”.

Ognuno con la sua valigia di ricordi e di canzoniNe vennero scelte dieci, che fecero da colonna sonora a quelle ore. Andarono in loop. E noi, che in quei giorni eravamo al capezzale dell’artista anche per lavoro, le abbiamo ascoltate e riascoltate un’infinità di volte.

Sono passati due anni, da quel giorno. Piuttosto che un ricordo lacrimevole, così lontano dall’essere di quell’artista geniale che era Dalla, preferisco ricordarlo con le sue canzoni. Ne ha scritte di bellissime. Cara è la mia preferita, in una classifica impossibile che sarebbe quanto mai stupido stilare.

Così di seguito troverete le dieci canzoni che ci hanno accompagnato nell’addio a Lucio.

Felicità

Le rondini

Notte

Tu parlavi una lingua meravigliosa 

E non andar più via 

Tango

Cara

Ayrton

Caruso

Apriti cuore

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *