Lucia Antonelli e Gino Fabbri
Lucia Antonelli e Gino Fabbri

La regina dei tortellini oggi è Lucia. E’ lei la prima vincitrice della sfida tra Bologna e Modena giocata sul tavolo della tradizione gastronomica. Ed è sempre lei a rappresentare Bologna, con il primo piatto più celebre, i tortellini in brodo, nella partita che ci sarà sempre con Modena lunedì sera a Palazzo Re Enzo. 

Di Lucia Antonelli, donna garbata ma di carattere, è in libreria “Cucina di frontiera”, edito da Minerva Edizioni, suo primo libro di ricette “di montagna e di tradizione”. Perché per chi non lo sapesse Lucia è la chef della Taverna del Cacciatore a Castiglione dei Pepoli sull’Appennino bolognese. “La mia cucina ha il sapore della terra in cui sono cresciuta, Bologna e il suo Appennino. E’ il risultato di un’alchimia unica che unisce la mia storia e la mia passione”.

Cucina di Frontiera (il libro di Lucia Antonelli)
Cucina di Frontiera (il libro di Lucia Antonelli)

Mercoledì sera ha presentato il suo libro di ricette con una cena, presso l’Antica Osteria Romagnola, in via Rialto a Bologna. Con lei ha lavorato a questo appuntamento Antonio Amura, oste e padrone di casa, i vini erano dell’azienda Il Monticino (quello che abbiamo amato di più è stato il Barbera Riserva), i dolci di Gino Fabbri, presidente dell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani, squadra fresca vincitrice di La Coupé du Monde del la Patisserie svoltasi a Lione.

Lucia Antonelli
Lucia Antonelli

Nel piatto di tortellini sempre buonissimi, qualcuno ha trovato la sua firma, “un mio vezzo”. Si tratta di due tortellini intrecciati, come abbracciati. “La mia cucina viene dal cuore, le mie sono ricette del cuore” ha ricordato Lucia.

Nel libro troverete anche la ricetta dei suoi celebri e premiati tortellini. Ma vi consiglio di leggervi (e provare a rifare) anche il budino di castagne che Lucia che ci ha servito l’altra sera: uno dei dolci più buoni che io abbia mangiato nell’ultimo anno. Anche Gino Fabbri ha tessuto le lodi del meraviglioso budino di Lucia. E se lo dice un campione del mondo della pasticceria…

Vi lascio qualche immagine dei piatti di Lucia, così da farvi venire l’acquolina in bocca. Io ho già fame. E’ pure tardi. E devo uscire. Ma se avete due minuti fatevi ingolosire…

Partiamo dalla cornice.

Antica Osteria Romagnola
Antica Osteria Romagnola

In Osteria si festeggiava Lucia, e anche il successo internazionale di Gino Fabbri, come potete vedere dagli striscioni appesi e dal tricolore.

I tortellini di Lucia Antonelli
I tortellini di Lucia Antonelli

Ecco i celebri tortellini di Lucia.

Timballo con tris di cereali e colombaccio
Timballo con tris di cereali e colombaccio

E, qui sopra, un’altra ricetta di Lucia: il timballo (con tris di cereali) e colombaccio.

Coniglio ripieno con patate e carciofi
Coniglio ripieno con patate e carciofi

Sempre in tema carne e tradizione: coniglio ripieno con verdure (patate e carciofi).

Budino di castagne
Budino di castagne

E voilà la delizia di cui vi parlavo.

Il tortellino in versione dolce di Gino Fabbri
Il tortellino in versione dolce di Gino Fabbri

Gino Fabbri per l’occasione ha celebrato Lucia con un tortellino in pasta di mandorle con ripieno d’arancia. Tre tortellini dolcissimi.

C’erano anche le sue meravigliose sfrappole (chi le ha mangiate sa a cosa mi riferisco: le sfrappole più leggere e buone che si trovino in città). Purtroppo un vassoio è finito a terra. Ve lo segnalo per introdurvi la foto che segue…

Mario Ferrara e Gino Fabbri
Mario Ferrara e Gino Fabbri

E’ stata una piacevolissima serata. Nella quale ho avuto anche la fortuna di sedere in un tavolo pieno di amici. Nessun selfie, a immortalarci. Ma i colleghi di Smap Guide uno scatto ce l’hanno fatto. E lo terremo per ricordo. Merci!

Il servizio della serata su Smap Guide
Il servizio della serata su Smap Guide

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *