Trattoria CasaMia
passatelli

Nelle ultime settimane alla domanda “c’è un posticino carino, diverso dal solito, dove mangiare bene a Bologna senza spendere follie?” mi sono ritrovata a dare a più persone e senza pensarci troppo la stessa risposta: Trattoria CasaMia. 

Me ne avevano parlato bene. E, cosa che succede di rado, vi ho mangiato ancora meglio. L’ho provato con due care amiche, una sera di pioggia, come questa.

Ci hanno accolto con una gentilezza di cui si è persa la memoria. Non è stato certo l’antipastino di riso offerto a inizio serata a conquistarci, quanto la gentilezza del personale in sala, giovane e capace di farti dimenticare l’infinito giro per trovare parcheggio (alla fine abbiamo lasciato l’auto a ridosso della facoltà di Ingegneria, comodo se non trovate posto su via Saragozza e traverse varie).

piatto di benvenuto
piatto di benvenuto

A cancellare addirittura il diluvio che si stava abbattendo su Bologna sono stati i piatti. Il menu non è sterminato e comprende diverse proposte con tartufo. Attinge dalla tradizione per poi svilupparsi in un percorso personale per nulla scontato. Tutte le pietanze che abbiamo ordinato l’altra sera erano a base di tartufo. E due meritavano il bis, sebbene abbondanti e non certo conformi ai regimi di una dieta ipocalorica: cotoletta alla petroniana e passatelli su crema formaggio. Provateli e sappiatemi dire.

cotoletta alla petroniana
cotoletta alla petroniana

La trattoria ha i colori pastello delle credenze di campagna. Intimo e caldo, CasaMia è un posticino consigliabile anche per un appuntamento galante, come pure per una cena tra amici (ma non troppi, lo spazio delle due salette non è adatto a grandissime tavolate).

I prezzi sono onesti e il conto può dimagrire ancora se rinunciate al tartufo. A mezzogiorno, poi, con 12 euro si fa un signor pranzo nella stessa cornice verde acqua. Infine, per chiudere in bellezza, ti servono il caffè con la moka. Come a casa, certo.

Trattoria CasaMia 

Via Saragozza 91/B, Bologna – Tel. 051.6447760 – Chiuso il lunedì e la domenica sera

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *